Ci risiamo. 

Ci sono ricascato.

Ma ti posso assicurare che non è colpa mia.

Continuo a leggere sulle testate che la situazione delle famiglie italiane per questo 2024 sarà tragico.

Il tutto senza dare uno straccio di soluzione.

Ma che senso ha?

Insieme a Davide e a tutto il nostro team abbiamo deciso di andare, come al solito, controcorrente.

Dicendo le cose come stanno, senza fare allarmismi, ma raccontando i fatti per come stanno e, magari, cercando di dare delle soluzioni.

Anche perchè, diciamocelo, si continua a parlare di crisi, ma allo stesso tempo le previsioni sulle spese per le ricorrenze aumentano.

Prima dell’Epifania si è parlato di un aumento della spesa per fare regali di 300 milioni di € rispetto all’anno precedente. Insomma gli Italiani le risorse per fare i regali le trovano. 2,3 miliardi da spendere per una ricorrenza non sono proprio pochi.

Allo stesso tempo sono aumentati gli italiani in vacanza durante queste ultime vacanze natalizie: 1,7 milioni di persone in più rispetto all’anno precedente.

Con questi scenari mi viene da pensare: ma dove sta la crisi?

Allo stesso tempo, però, vedo come il mercato dei tassi variabili di mutuo sia molto più alto rispetto a quello dei tassi fissi.

E qui si deve accendere un allert grande come una casa!

Vuoi vedere che ci può essere un’opportunità da cogliere?

Se sei nella condizione di aver fatto un mutuo con tasso variabile nel passato, ti sarai sicuramente accorto di come sia aumentata la rata del tuo mutuo.

Ne abbiamo già parlato in qualche occasione anche su questo blog.

Nel momento in cui si è alzata, cosa hai fatto?

Hai agito o non hai fatto nulla e hai pensato a rimboccarti le maniche, tirare la cinghia e andare a pescare quelle risorse che avevi destinato per altri tuoi obiettivi?

Se la tua situazione non è cambiata, stai leggendo un articolo che ti può dare uno spunto di riflessione, ma che si deve tradurre in azione.

Non puoi più permetterti di sapere e di non agire.

Te l’ho già detto e  anche senza farci troppi giri di parole, ma lo rimarco in modo ancora più diretto.

Siamo in uno scenario di grandi opportunità per chi in questo momento ha un tasso variabile: essendo il mercato dei tassi fissi più basso rispetto a quello dei variabili può darti un beneficio.

Ora.

Non prendere queste mie parole come oro colato.

Ovviamente deve essere fatto uno studio, ci deve essere un professionista indipendente che ti guida in questo processo, ma una luce in fondo al tunnel la potresti vedere.

Ma bada bene alla parola in grassetto che ho scritto qui sopra: indipendente.

Deve avere come unico obiettivo la tua posizione, il tuo bene e fare i tuoi interessi.

Mi spiego meglio con un esempio, in quanto è una situazione che ho vissuto in prima persona con un cliente qualche tempo fa.

Prima che si verificasse questo aumento vertiginoso dei tassi, c’è stato un momento in cui questi erano praticamente pari allo zero.

In quello scenario vi era la possibilità di rinegoziare le condizioni di mutuo abbassando dei tassi al 2-3% e portarli vicino allo 0, indipendentemente fossero tassi fissi o variabili.

Un mio cliente aveva un mutuo importante con un tasso che poteva essere rinegoziato.

Come prima azione ci siamo rivolti alla sua banca, di cui nemmeno sotto tortura farò il nome.

Ci siamo sentiti rispondere dal consulente:

“Mi dispiace, ma la banca non negozia il tasso”.

Alla nostra richiesta di informazioni si è sbottonato e ci ha confidato

“Preferisce perdere il cliente e poi farlo rientrare in un secondo momento, magari quando ci saranno scenari differenti”.

Ora, se il cliente non avesse avuto la nostra struttura al proprio fianco avrebbe perso un’opportunità.

Cercare altre soluzioni, altre banche, altre opportunità impegna un sacco di tempo.

Tempo nel dover andare in giro a bussare alla porta di Istituti che di te interessa fino a pagina 2 e tempo nel dover recuperare tutte le informazioni necessarie.

Carte su carte che possono far passare la voglia di fare qualsiasi azione!

Ma non ci siamo scoraggiati e in quell’occasione abbiamo rinegoziato il mutuo con un’altra banca alla metà del tasso di interesse!

In pratica il mio cliente ha diminuito la durata del mutuo di 5 anni! 

Un sacco di soldi risparmiati!

Capisci perché hai bisogno di un consulente indipendente al tuo fianco?

Spero che questo articolo ti abbia dato uno spunto di riflessione. 

Ma ripeto, devi agire. 

E se non sai da che parte iniziare clicca qui e richiedi di essere contattato da uno dei nostri Educatori Finanziari Certificati!